Consiglio direttivo

Consiglio direttivo

Presidente

Nome Cognome: Luigi LAVIOLA
Sede lavorativa: Medicina Interna Endocrinologia Malattie metaboliche
Indirizzo: Piazza Giulio Cesare, 11 - BARI
Tel: 0805478160
Fax 0882.451637
EMail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Presidente Eletto

Nome Cognome: Olga LAMACCHIA
Sede lavorativa: Endocrinologia e Diabete Foggia
Indirizzo: Via L. Pinto, 1 – FOGGIA
Tel: 0881733251
Fax 0881733851
EMail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Consigliere

Nome Cognome: Angelo CIGNARELLI
Sede lavorativa: Policlinico Bari Cattedra di Endocrinologia Mal. Metabolismo
Indirizzo: P.zza Giulio Cesare, 11 – BARI
Tel:  
Fax  
EMail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Consigliere

Nome Cognome: Maria Grazia IASELLA
Sede lavorativa: Ospedale Delli Ponti - U.O. Medicina
Indirizzo: Via Maglie - SCORRANO
Tel: 0836420414
Fax 0836420523
EMail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Consigliere

Nome Cognome: Antonio MINENNA
Sede lavorativa: Ospedale Delli Ponti - U.O. Medicina
Indirizzo: Via Fratelli Baldassarre - ALTAMURA
Tel: 0803108216
Fax 0803108536
EMail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Past President

Nome Cognome: Salvatore DE COSMO
Sede lavorativa: Ospedale "Casa Sollievo Sofferenza"
Indirizzo: Viale Cappuccini, 1 - SAN GIOVANNI ROTONDO
Tel: 0882.410627
Fax 0882.451637
EMail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Attività

Attività 2011

Tipologia Caratteristiche organizzative Data
Tipo Argomenti trattati In associazione con: Partecipanti
 
         
         

Riepilogo Attività 2010

Tipologia Caratteristiche organizzative Data
Tipo Argomenti trattati In associazione con: Partecipanti
 
Corso Alta Formazione SID Diabete Tipo 2:
Terapia insulinica e complicanze microvascolari.
AMD
Plurisponsor
45 3- 4 Luglio 2010
Giornata mondiale del Diabete Sensibilizzazione della cittadinanza. Plurisponsor   14 Novembre 2010

 

Convegni e corsi

Leggi e documenti regionali

Leggi

PUGLIA

MICROINFUSORI
Documento 5,6
Direttiva del 16 maggio 1988 per l'assistenza ai cittadini affetti da diabete mellito.

Commenti: la direttiva regionale adotta i principi della legge n. 115/1987 e conferma quali
strumenti irrinunciabili di governo sia la scheda informativa che la Tessera del Diabetico.
Pregi: il documento presenta un elenco dei presidi forniti gratuitamente ai pazienti con
diabete. I microinfusori possono essere impiegati ed erogati solo dalle strutture
specialistiche diabetologiche (ospedaliere) con “possibilità di ricovero” del paziente e sono
ugualmente prescrivibili direttamente dal M.M.G. curante previa relazione terapeutica
individuale rilasciata dalla struttura specialistica diabetologica. Le analisi epidemiologiche
e statistiche periodiche sono demandate all'Assessorato della Sanità, la raccolta dei dati
avviene in forma anonima a tutela del diritto di riservatezza dei pazienti.
Criticità: la scheda “informativa” adottata in modello unico su tutto il territorio regionale
rimane di tipo cartaceo ma siamo nel 1988 e l'informatizzazione della Pubblica
Amministrazione diventa obbligatoria per legge solo dal 2005.
Osservazioni: la direttiva recepisce ed attua tempestivamente le indicazioni della legge n.
115/1987 in favore della popolazione diabetica anche se non vi è accenno alcuno
all’incremento della spesa sanitaria per l’organizzazione assistenziale predisposta.

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI
Documento 6.21
Piano Regionale di Salute 2008-2010 del 30 luglio 2008

Commenti: nel Piano Regionale di Salute periodo, 2008-2010, il diabete viene inserito nel
paragrafo relativo alla “prevenzione delle malattie cronico-degenerative promozione degli
stili di vita salubri”. Tale Piano rappresenta le scelte programmatiche e di processo
necessarie ad un’efficace allocazione delle risorse atte a migliorare lo stato di salute e la
qualità dei servizi percepita dai cittadini, sostenendone l'efficienza e l’economicità del
sistema proposto. Nel contesto della prevenzione e di educazione alla salute il diabete è
valutato tra le patologie più rilevanti ed impattanti sulla società.
Pregi: propone la gestione del singolo paziente e l'elaborazione di un piano di cura
personalizzato ad opera di un professionista terzo, non direttamente coinvolto nelle cure,
con una funzione di coordinamento in merito all’assistenza erogata e ai risultati ottenuti. Il
Piano Sanitario prevede l'istituzione di un Centro Regionale di Riferimento.
Criticità: la Gestione Integrata è prevista come modello “indispensabile” per la gestione
delle patologie croniche senza riportare però modelli organizzativi o linee di indirizzo.
Osservazioni: è importante che nel Piano Regionale della salute, la prevenzione e cura del
diabete sia considerata strategica per migliorare l'aspettativa della popolazione.

PRESIDI
Documento 10.8
D.G.R. 31 ottobre 2007 n. 44/12: Aumento del numero massimo di strisce per
autocontrollo della glicemia concedibili gratuitamente ai pazienti diabetici in età
pediatrica e adolescenziale”.

Commenti: la deliberazione modifica i tetti massimi precedentemente concessi (D.G.R. n.

del 1988): avente per oggetto “Direttive per l'assistenza ai cittadini affetti da diabete
mellito) e conferma contestualmente le finalità della legge n. 115/1987.
Pregi: prevede un piano di automonitoraggio particolarmente intenso nei pazienti in età
pediatrica con un tetto fino a n. 200 strisce/mese per i pazienti con un età inferiore ai 3
anni.
Criticità: la scheda “informativa” adottata in modello unico su tutto il territorio regionale
rimane di tipo cartaceo.
Osservazioni: il provvedimento testimonia la particolare attenzione del legislatore pugliese
nel trattamento del diabete in una fascia di età particolarmente delicata.

CONCLUSIONI

La Regione Puglia presente una legislazione scarna in ambito diabetologio, seppur
riconosciuto, all’interno del Piano Regionale di Salute 2008-2010, come “...(omissis)... tra
le patologie chiave per migliorare l'aspettativa della popolazione ...(omissis)...” dove
l’attenzione letterale risulta tuttavia risibile rispetto al rimanente corpo normativo del P.S.R.

Link Sanità Regionale

REGIONE PUGLIA:  http://www.sanita.puglia.it/

La Storia

La storia

La sezione pugliese della SID è stata istituita nel 1973 da un numero di adepti che è cresciuto a 48 nel 1994 e ha raggiunto 126 soci nel 2012, su una popolazione regionale di circa 4.000.000 di abitanti.

La sua storia si intreccia strettamente con la storia della Scuola diabetologica di Puglia, fondata dal prof. Riccardo Giorgino (divenuto poi Presidente della SID), che raccoglie in una comunità umana e professionale gli specialisti diabetologi dell’Università degli Studi di Bari, dell’Università degli Studi di Foggia, delle Unità ospedaliere e degli Ambulatori territoriali della regione. I componenti di queste diverse realtà si sono alternati quali Presidenti e componenti del Consiglio Direttivo della sezione pugliese della SID. Alcuni di essi hanno ricoperto anche cariche all’interno dei Consigli direttivi della SID.

Una delle peculiarità più rilevanti di questa Sezione regionale, sin dalla sua costituzione, è stata quella di promuovere cultura nell’ambito dei medici specialisti della regione, anche tramite la organizzazione di Congressi tenuti in collaborazione con la Sezione regionale dell’AMD. Negli ultimi anni questi eventi hanno rappresentato un appuntamento di grande rilievo non solo regionale, per le tematiche di aggiornamento culturale, la qualità dei relatori e le ricadute clinico-terapeutiche.

A titolo esemplificativo, si può ricordare l’incontro del 2005, dal titolo “Un’Ottica Nuova nella Gestione del Rischio Cardiovascolare”, che proponeva la visione globale del paziente diabetico quale soggetto a rischio cardiovascolare particolarmente elevato.

Nel 2007 il congresso SID-AMD ha approfondito i temi di “Attualità nella Terapia del Diabete Mellito”.

Nel 2010 l’incontro intersocietario, dal titolo “Disglicemia e Diabete Mellito Tipo 2: La Necessità del Trattamento Precoce”, è stato di particolare interesse per l’argomento nuovo e i risvolti terapeutici decisamente attuali.

Nel 2011 l’incontro intersocietario, dal titolo “Dall’Adipocita al Diabete Tipo 2”, ha affrontato le relazioni tra obesità e diabete dal punto di vista patogenetico, fisiopatologico, clinico e terapeutico.

L’ultimo in ordine temporale si è svolto nel dicembre 2012 ed ha visto affrontare una problematica di notevole rilevanza quale: “La malattia coronarica nel paziente con diabete mellito”. Il congresso, coordinato da Salvatore De Cosmo e da Francesco Giorgino, si è svolto con il contributo rilevante dei cardiologi dell’ANMCO che hanno partecipato sia come relatori sia come moderatori. Ha inoltre avuto il contributo di Diabetologi pugliesi delle Scuole del prof. Francesco Giorgino e del prof. Mauro Cignarelli.

La sezione ha anche contribuito alla organizzazione di due Congressi nazionali della SID (1982 e 2000).

Dal punto di vista scientifico, la scuola diabetologica pugliese ha dato luogo a ricerche originali nel campo della fisiopatologia e clinica del diabete mellito e delle complicanze croniche della malattia, della fisiopatologia del tessuto adiposo e delle alterazioni ormonali nei pazienti affetti da diabete tipo 1 e tipo 2, con i contributi del prof. Riccardo Giorgino e degli allievi Nardelli, Scardapane e Cignarelli. Più recentemente, sono state realizzate dal gruppo che fa capo al prof. Francesco Giorgino ricerche originali nel campo della regolazione del trasporto del glucosio, della caratterizzazione biologica del tessuto adiposo viscerale, dei meccanismi cellulari e molecolari della disfunzione beta-cellulare nel diabete e delle alterazioni specifiche del miocardio nel diabete. Studi di epidemiologia e genetica del diabete e ricerche cliniche sulla nefropatia diabetica sono stati inoltre realizzati sotto la guida di Mauro Cignarelli e Salvatore De Cosmo.

L’attività scientifica dei soci della sezione pugliese della SID ha portato, nel tempo, a importanti collaborazioni internazionali, con il Joslin Diabetes Center - Harvard Medical School di Boston, il Karolinska Institutet di Stoccolma, il German Diabetes Center di Düsseldorf tra i più noti. Tali collaborazioni hanno consentito la frequenza di numerosi soci pugliesi presso queste prestigiose istituzioni e l’organizzazione di numerosi convegni internazionali che hanno visto la Puglia come un nodo della rete di collaborazione e scambio europeo nell’ambito del programma COST della Comunità Europea.

La Sezione SID Puglia è da sempre stata molto attenta anche ai rapporti con le Istituzioni Regionali, continuamente stimolate ad affrontare le problematiche organizzative e gestionali della Diabetologia. A tal proposito, proprio durante l’ultimo Congresso regionale è stato riservato spazio adeguato al contributo del dott. Bux, Direttore dell’ARESPuglia, che ha affrontato il problema della rete diabetologica in Puglia, e a quello del dott. Pomo, Direttore d’Area dell’Assessorato, che ha relazionato sugli aspetti economici dell’assistenza diabetologica in Puglia.

Il nuovo Consiglio Direttivo, che verrà rinnovato in autunno, sotto la presidenza del dott. Luigi Laviola, attuale Presidente Eletto, continuerà a lavorare per gli obiettivi di incontro, di aggiornamento professionale e culturale e di incentivo alla ricerca scientifica e all’eccellenza nell’assistenza diabetologica che hanno caratterizzato la Sezione regionale pugliese della SID sin dalla sua origine.

Cookie

Il sito Siditalia.it utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di terze parti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione.
Continuando la navigazione del sito o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie