The Diabetes EDUCATOR

Razionale: Gli afroamericani adulti negli USA presentano una maggiore prevalenza di obesità rispetto ad altre etnie e in quelli con prediabete e diabete è più difficile ottenere una perdita di peso clinicamente significativa. Molti studi hanno dimostrato l’efficacia sulla perdita di peso di strategie cognitivo-comportamentali, ma la maggior parte dei partecipanti erano bianchi.
Obiettivi: Identificare strategie efficaci per il controllo del peso corporeo secondo la prospettiva di pazienti afroamericani con diabete tipo 2 obeso.
Metodi: Studio qualitativo svolto con una tecnica di gruppo, nominal group technique (NGT), su 12 afroamericani sovrappeso/obesi con diabete tipo 2 i quali: 1) avevano completato il DECIDE (Decision-making Education for Choices in Diabetes Everyday), un programma di educazione adattato al livello culturale del paziente e basato sul problem-solving; 2) avevano un BMI ≥ 25 al baseline; 3) avevano perso e mantenuto il peso al follow-up post-intervento; 4) al baseline avevano valutato molto importante la perdita e il mantenimento del peso (≥ 8 su una scala 0-10).
Risultati: Con la tecnica NGT impiegata sono emerse 101 strategie, inerenti principalmente l’alimentazione ma anche l’attività fisica, e comprendenti vere e proprie strategie cognitivo-comportamentali (es.: stabilire obiettivi realistici, fare un piano, cercare gratificazioni per aumentare la motivazione ecc). In particolare, la maggior parte dei partecipanti ha identificato il sostegno famigliare/sociale come la strategia più importante per superare i momenti di stress e difficoltà.
Conclusioni: Sono state individuate una serie di strategie efficaci nel favorire e mantenere la perdita di peso in un gruppo di pazienti “difficili” come gli afroamericani con diabete tipo 2 e sovrappeso/obesità, di potenziale utilità nella pratica clinica.
Commento: Limiti evidenziati dagli autori: il campione ristretto, e il fatto che tutti i partecipanti avevano il diabete, quindi i risultati non si possono estendere direttamente a tutti gli obesi. Interessante comunque la metodologia (in realtà individuale e di gruppo combinata, fra l’altro molto ben descritta) che da un lato si rivolge direttamente ai pazienti per raccogliere la loro prospettiva, dall’altro in questo modo li costringe a riflettere sulle tecniche cognitivo-comportamentali che avevano appreso nel programa DECIDE, e questo potrebbe aumentarne ulteriormente l’efficacia.

A cura di Giovanni Careddu

Fitzpatrick SL, Hill-Briggs F. Strategies for Sustained Weight Management. Perspectives From African American Patients With Type 2 Diabetes. Diabetes Educ 2017; 43: 304-310.  DOI: 10.1177/0145721717699071

Fai il login per vedere l'articolo originale

Cookie

Il sito Siditalia.it utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di terze parti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione.
Continuando la navigazione del sito o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie